il naufragio del photo alle due sorelle

il Naufragio del Photo alle 2 sorelle
9 Giu

Sirolo il Naufragio del Photo alle 2 sorelle

Sirolo il naufragio del Photo alle 2 sorelle 
Cos’è il naufragio del photo alle 2 sorelle , Marco ci racconti oggi questa storia su Sirolo ?

La storia del naufragio del “POTHO” – 14/15 marzo 1962.

Vado a prendere una birretta ,è lunga, e poi dopo ti faccio vedere una scaletta di legno costruita del babbo ,fatta con il carico perduto in mare della nave… 60 anni fà

Nella notte del 14 marzo 1962, durante una tempesta di neve e di vento, il piroscafo da carico “Potho” naufragò a ridosso del monte Conero andando a cozzare contro gli scogli delle “Due Sorelle” e squarciandosi in due tronconi.

La parte di prua finì sulla spiaggia della “Cava Davanzali”, conosciuta oggi come la spiaggia dei lavori mentre l’altro troncone affondò a fianco dei faraglioni. I marinai superstiti restarono aggrappati per diverse ore al troncone di prua prima di essere tratti in salvo. Alcuni marinai in un primo momento intravedendo la spiaggia delle due sorelle a pochi metri ,si buttarono per raggiungerla a nuoto , ma tra le grandi onde c’era il carico di legname perso dalla nave ,che galleggiando ovunque,attorno alla nave  fini per schiacciarli.
Il cargo, che batteva bandiera libanese, era carico di tavole di legno. La spiaggia Urbani, che si trova proprio sotto a Sirolo, venne letteralmente sommersa da una catasta di legname, in alcuni punti alta tre metri. Alcuni sirolesi, increduli davanti alla spaventosa tragedia, si affollarono sulla spiaggia e dopo aver acceso un fuoco con alcuni pezzi di legname si riscaldarono in quel gelido 15 marzo 1962. Molto del legname in seguito venne raccolto e fu impiegato per costruire le baracche dei pescatori della zona.
L’equipaggio della nave naufragata era composto di 21 marinai di nazionalità greca; di questi 11 furono tratti in salvo, ma 10 scomparvero tra i flutti del mare che poi ne restituì solo una parte.

i faraglioni anno 65

Secondo le testimonianze, Raimondo Barbadoro, un invalido che faceva il guardiano della cava di pietra di Cesare Davanzali situata nella piccola baia proprio a nord delle Due Sorelle, fu il primo ad accorgersi del naufragio e andò a chiedere aiuto a suo fratello Cesare. Risalendo coraggiosamente tra il buio della notte ,nel sentiero ricoperto di neve che collega la spiaggia delle due sorella alla “CROCE ” chiamato oggi il passo del lupo Sempre dal sentiero poi , successivamente Cesare Barbadoro assieme ai suoi due nipoti raggiunse la spiaggia della cava e riuscì a trarre in salvo molti marinai. A tarda sera del 15 marzo sul relitto rimaneva ancora il direttore di macchina, un uomo di corporatura pesante e già vicino alla sessantina. Quando finalmente si decise ad abbandonare la nave e si buttò in mare Cesare lo vide restare immobile nell’acqua gelida. Barbadoro non ci pensò su tanto, si gettò in mare, lo raggiunse e si accorse che era rimasto impigliato in un cavo. Lo liberò e, con l‘aiuto di un’onda più benigna delle altre, lo portò a riva sano e salvo nonostante le numerose ferite riportate. La mattina dopo, a giorno inoltrato, giunsero finalmente i soccorritori. La fila degli scampati al naufragio riuscì a risalire il monte Conero attraverso il “Passo del Lupo” pieno di neve e giunse a Sirolo, dove trovò ristoro in un albergo. Invece, il direttore di macchina ferito venne trasportato all’ospedale di Ancona via mare. Così si concluse la commovente pagina di coraggio e di abnegazione scritta da Raimondo e Cesare Barbadoro. Quest’ultimo per il suo coraggio fu insignito della medaglia di bronzo al valor civile. parti di queste notizie sono state fornite dal dott. Bruno Bambozzi di Sirolo e poi redatte dall’Ing Amedeo Spadari di Sirolo.
spiaggia urbani l’indomani dell’affondamento

Oggi

Il relitto
Il relitto si trova tra i 7 e i 14 metri davanti alla “Due Sorelle”. Si vedono bene le caldaie, un’elica e l’albero mentre dello scafo non c’è più quasi nessuna traccia. Come nel caso della “Nicole”, i resti della nave sono ormai un’interessante colonia di fauna e flora marina.

Lascia un Messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.